Home Rassegna Stampa “Puliamo Vicinzina”

“Puliamo Vicinzina”

5 min read
0
27

Il movimento ama la tua città insieme a Cittadinanzattiva – collabora con Mareamico nella pulizia di Vicinzina.

Ci siamo riusciti!

I cittadini e le associazioni palmesi, sin dalla fine dell’estate scorsa, avevano segnalato la presenza di un tappeto bituminoso di circa 40 mt di lunghezza arenatosi nella bellissima spiaggia della “Vicinzina”, tappeto, probabilmente, abbandonato in mare aperto da una nave porta container.

Anche l’associazione Mareamico, oltre ad interessare con diversi inviti l’amministrazione comunale palmese, la Provincia, l’Arpa, la Protezione Civile, la Capitaneria di Porto e l’Assessorato Regionale al Territorio ed Ambiente, si è prodigata a far intervenire la troupe di Rai 1, per, come si suol dire, smuovere le acque e indurre gli organi preposti a rendersi operativi nell’eliminare velocemente l’ecomostro di cui nell’ultimo anno tanto si è discusso.

Fiumi di parole si sono susseguiti dalla denuncia di Mareamico, ma l’amministrazione comunale palmese, che tanto si era spesa in chiacchere sin dal settembre scorso con post su facebook ed articoloni sui giornali che preludevano all’imminente rimozione, ha, prima, proposto la rimozione del tappeto per mezzo di un trattore cingolato, tesi immediatamente bocciata da Mareamico che ha posto un veto assoluto sull’impropria iniziativa, posizione legittimata dalla assoluta immodificabilità dei luoghi, per, poi, rimanere assolutamente paralizzata ed immobile, con un atteggiamento di assoluto menefreghismo nei confronti della riserva della “Vicinzina”, spiaggia amata e frequentata da molti cittadini palmesi ed agrigentini.

Nessuna istituzione si è mossa e, pertanto, sono state le associazioni a togliere dalla spiaggia questa fonte inquinante.

Durante tutta la scorsa settimana, volontari di Mareamico presieduta da Claudio Lombardo, di AMA LA TUA CITTA’ e CITTADINANZATTIVA con Rosario Bellanti e Domizio Mineo in prima linea, hanno  tagliato questo nastro catramoso in tanti piccoli pezzi e domenica scorsa hanno, finalmente, provveduto a trasportare tutto via mare, grazie ai diportisti di Marina di Palma, tra i quali Vincenzo Sanfilippo, Antonio Rumè e Natale Greco, presso il porticciolo di Marina di Palma.

Si è dimostrato che, con pochi volontari di Mareamico, di Cittadinanzattiva, del movimento Ama la tua città e con l’apporto nautico di Marevivo, si è riusciti a fare quello che l’amministrazione comunale aveva il dovere di fare e che non ha fatto: quasi 2 tonnellate di plastiche e rifiuti speciali sono state rimosse.

L’impresa è stata dura, ma la soddisfazione di aver liberato uno degli angoli marini più belli della nostra costa ci ha reso determinati e, soprattutto, vincenti, dando dimostrazione di unità d’intenti e, soprattutto, di vivere l’associazionismo e l’interesse per la collettività in maniera concreta e fattiva.

Palma non ha bisogno di parole: ha bisogno di idee e concretezza, di uomini e donne che si sbracciano per il paese senza se e senza ma, con un unico interesse, l’amore per il paese ed il rispetto per gli abitanti che vi soggiornano.

 

Link1 – Link2 – Link3 – Link4

Rosario Bellanti

Domizio Mineo 

{flike}

 

Carica altri articoli simili
Carica altro by movimentoamalatuacitta
Carica altro in Rassegna Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Guarda Anche

– Bellanti, Malluzzo, Vitanza – “Il presidente Pace convoca il consiglio comunale in seconda seduta e non si presenta insieme ai consiglieri di maggioranza tutti”

Siamo amareggiati nell’avere riscontrato l’assenza dell’intero corpo di …